Domenica 26 in casa del Santo Stefano di Camastra

Ultima di andata, le palermitane faranno visita alla città della ceramica. Sfida-salvezza contro le ex Angelova e Li Muli
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on google

Resettare e ripartire, con l’obiettivo di fare punti contro una diretta rivale nella lotta-salvezza. Il Caffè Trinca Palermo è chiamato domenica (26 gennaio ore 18:00, arbitri: Vera D’Avola e Martina Rossino del C.T. Monti Iblei) al confronto in trasferta sul campo del Nigithor Volley Santo Stefano di Camastra, con la necessità di lasciarsi alle spalle la prestazione casalinga opaca contro Crotone.

La squadra di Staiti, 15 punti all’attivo, si trova due lunghezze sopra Palermo ed è virtualmente fuori dalla zona rossa della classifica. Negli ultimi tre turni consecutivi ha racimolato altrettanti punti perdendo i tie-break contro Siracusa, Pedara e Giarre.

Ci attende questa sfida particolare – dichiara Tatiana Lombardo e mi auguro che sia una partita che determinerà un cambiamento per noi. Dopo la bella prestazione contro Terrasini abbiamo accusato un calo, ritengo sia per la pausa natalizia che per la problematica dell’impianto di gioco“.

Ma adesso il PalaWinning torna ad essere la casa sportiva delle giallonere palermitane. “Un’emozione tornare ad allenarsi nel nostro campo. Conosco Tommy (Pirrotta, allenatore del Caffè Trinca e deus-ex-machina del PalaWinning, ndr) ed ero certa che in brevissimo tempo avrebbe risollevato l’impianto“.

Tornando alla sfida, sarà un match dal vero e proprio sapore di derby. Diverse palermitane nelle file della Nigithor (tra tutte Irma Lo Iacono, sebbene infortunata, e Martina Pirrone); poi la bulgara Svetla Angelova, ex di turno insieme a Marta Li Muli ed all’epoca anche capitano della prima squadra del Progetto Volley Smart. Ed anche se la società era un’altra, per il tecnico Pirrotta è un ritorno da “ex” in un PalaCeramica che lo ha visto dirigere per tre stagioni la panchina della Stefanese.

(nel video, l’intervista a Tatiana Lombardo)